Da oggi 13 Dicembre 2016 scatta l'obbligo della dichiarazione nutrizionale sull'etichetta degli alimenti, applicato a tutti i prodotti confezionati che devono ora indicare anche le informazioni relative a valore energetico, quantità di grassi (di cui gli acidi grassi saturi), carboidrati (di cui gli zuccheri), proteine e sale, espressi per 100 grammi o 100 millilitri di prodotto, e facoltativamente anche per porzione. Lo ricorda la Coldiretti, che evidenzia i profondi cambiamenti determinati dalla completa entrata in vigore oggi delle norme Ue in materia.

etichetta supermercatoSi tratta di un passo importante per la trasparenza dell'informazione sulle caratteristiche dei prodotti che si acquistano - commenta l'associazione - sulla base di parametri oggettivi in una situazione in cui troppo spesso vengono esaltate impropriamente specifiche proprietà. In questo modo potranno essere fatte valutazioni oggettive e comparazioni tra i diversi prodotti presenti sugli scaffali, in un contesto in cui è giustamente aumentata la sensibilità dei cittadini sulle scelte alimentari.

Ora sarà dunque possibile leggere le informazioni nutrizionali degli alimenti in etichetta per fare scelte di acquisto più consapevoli - prosegue la Coldiretti - in un Paese dove quasi la metà degli italiani (49%) ha seguito una dieta nell'ultimo anno e tra questi il 25% di tipo dimagrante, mentre un sostanzioso 14% ha cambiato il proprio regime alimentare a causa di una patologia come diabete, pressione alta, colesterolo elevato o celiachia, secondo l'indagine Coldiretti..

Per il latte, inoltre - conclude l'associazione - è in arrivo un'altra importante novità grazie all'avvenuta firma del decreto che introduce in etichetta l'indicazione obbligatoria dell'origine per i prodotti lattiero-caseari. Per dire basta all’inganno del falso made in Italy.
LINK:
Approfondimento sul sito Coldiretti.